Sclerosi della colonna vertebrale

La sclerosi subcondrale della colonna vertebrale è un processo patologico in cui si sviluppa la compattazione delle strutture ossee delle vertebre. È un sintomo radiologico e si verifica sullo sfondo di malattie degenerative-distrofiche della colonna vertebrale. La parola "subcondrale" nella traduzione significa subcondrale. La sclerosi si sviluppa nell'area delle placche di bloccaggio, che si trovano tra il corpo vertebrale e il disco intervertebrale.

Le cause

La sclerosi vertebrale si verifica a causa di una violazione del loro apporto di sangue, che porta alla proliferazione e alla compattazione del tessuto connettivo. La causa più comune della malattia è l'infiammazione della colonna vertebrale nell'area di distruzione del disco intervertebrale. La progressione del processo patologico contribuisce all'emergere di escrescenze ossee – osteofiti, che danneggiano i tessuti molli circostanti e aggravano il decorso della malattia. Si forma un cosiddetto circolo vizioso: il processo infiammatorio provoca la formazione di osteofiti, che a loro volta supportano la reazione infiammatoria e i cambiamenti degenerativi-distrofici nella colonna vertebrale.

La sclerosi della colonna vertebrale appare a causa dei seguenti motivi:

  • lesioni alla schiena;
  • osteocondrosi;
  • sottosviluppo congenito o acquisito dell'apparato muscolo-legamentoso della colonna vertebrale;
  • sclerosi multipla;
  • stile di vita sedentario;
  • cattiva alimentazione;
  • caratteristiche dell'attività lavorativa (minatori, costruttori);
  • sport professionistici (ballerini, calciatori, lottatori);
  • patologia endocrina (obesità, diabete mellito);
  • età dopo 55 anni;
  • predisposizione genetica.

I fuochi sparsi della sclerosi nel tessuto osseo delle vertebre sono una reazione secondaria all'influenza di un fattore dannoso. Nella maggior parte dei casi, la causa del processo patologico è l'osteocondrosi. La sua progressione porta alla comparsa di sporgenze e sporgenze erniali, che provoca la compressione delle radici nervose e provoca sintomi neurologici.

quadro clinico

Le manifestazioni cliniche della sclerosi spinale dipendono principalmente dalla malattia che ha portato a processi sclerotici nel tessuto osseo. A seconda della posizione del sito patologico, si distingue la sclerosi della colonna cervicale, lombare e toracica. Nei casi più gravi, l'intera colonna vertebrale è interessata, il che porta a un peggioramento della prognosi della malattia.

La colonna cervicale e lombare è più spesso colpita. Ciò è dovuto alla grande mobilità e carico quando si sposta nel collo e nella parte bassa della schiena. Il reparto toracico è coinvolto nel processo patologico molto meno spesso ed è asintomatico e la malattia viene solitamente diagnosticata nella fase di completa immobilizzazione della schiena in quest'area. A volte i pazienti sono infastiditi da dolore toracico, mancanza di respiro, disagio nel cuore.

Sintomi di una lesione del rachide cervicale:

  • dolore al collo, aggravato dalla rotazione e dall'inclinazione della testa;
  • squilibrio;
  • intorpidimento degli arti superiori;
  • compromissione della memoria;
  • mal di testa di vari gradi di intensità, vertigini;
  • parestesia delle dita (sensazione di formicolio, sensazione di bruciore, "brividi striscianti");
  • diminuzione dell'udito e dell'acuità visiva.

Sintomi di una lesione della colonna lombare:

  • dolore nella regione lombare, aggravato dall'inclinazione del corpo;
  • il dolore si estende alle estremità inferiori;
  • intorpidimento delle gambe, parestesia nei piedi (bruciore, formicolio delle dita);
  • interruzione degli organi pelvici (costipazione, incontinenza urinaria).

Come risultato della patologia, si verifica uno spasmo muscolare protettivo nell'area dell'infiammazione, che aggrava il dolore alla schiena. La sindrome del dolore è aggravata dalla formazione di osteofiti, che danneggiano i tessuti molli e irritano le terminazioni nervose. In casi clinici gravi, dopo l'intervento chirurgico è possibile eliminare il dolore intenso per rimuoverli.

Diagnosi e trattamento

La sclerosi subcondrale è un segno radiologico di malattie che colpiscono la colonna vertebrale. Per rilevarlo, sono prescritti i seguenti metodi di esame strumentale:

  • Radiografia della colonna vertebrale in una proiezione diretta e laterale;
  • imaging a risonanza magnetica e calcolata;
  • densitometria (determinazione della densità ossea delle vertebre).

Inoltre, viene prescritta la diagnostica di laboratorio: un esame del sangue generale e biochimico per rilevare disturbi infiammatori e metabolici.

Il trattamento della patologia è mirato a una malattia che ha portato a focolai segmentari di compattazione del tessuto osseo delle vertebre e alla sclerosi multipla. Tale terapia eziotropica può fermare la progressione della malattia e prevenire la crescita degli osteofiti. I seguenti farmaci sono inclusi nel regime di trattamento:

  • analgesici per eliminare la sindrome del dolore – laspal, syncapton, analgin;
  • blocco della novocaina con l'aggiunta di lidocaina, desametasone, prednisone;
  • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per ridurre la risposta infiammatoria e ridurre l'intensità del dolore – celecoxib, diclofenac, movalis, nimesulide;
  • miorilassanti di azione centrale per prevenire lo spasmo patologico della struttura muscolare posteriore – midocalm, sirdalud;
  • condroprotettori per il ripristino del tessuto cartilagineo dei dischi intervertebrali e la normalizzazione dei processi metabolici nella colonna vertebrale – aflutop, donna, terraflex, condrolone.

Nel periodo di recupero della malattia, vengono prescritti fisioterapia (UHF, magnetoterapia, elettroforesi), esercizi di fisioterapia (terapia fisica), massaggio, agopuntura. Raccomandano il nuoto, l'aerobica in acqua, il Pilates, lo yoga. L'attività motoria regolare migliora l'afflusso di sangue alla colonna vertebrale, aumenta l'elasticità e la forza dell'apparato muscolo-legamentoso e attiva la difesa immunitaria del corpo. Altrettanto importante è una buona alimentazione con l'inclusione nella dieta di erbe fresche, frutta e verdura, frutti di mare e grassi vegetali.

A condizione che vengano seguite tutte le raccomandazioni del medico, la malattia può essere curata nelle prime fasi dello sviluppo. Con l'assistenza medica tardiva, l'obiettivo della terapia è fermare la progressione del processo patologico. Nei casi avanzati di sclerosi durante la formazione di grandi osteofiti, viene eseguito un intervento chirurgico per rimuoverli, decomprimere le radici nervose, eliminare le ernie e altri disturbi anatomici della colonna vertebrale. Dopo l'intervento chirurgico, il trattamento della malattia di base viene continuato per prevenire la riformazione di difetti ossei e cartilaginei.

La sclerosi della colonna vertebrale non è un'unità nosologica separata, ma è un sintomo radiologico delle malattie della colonna vertebrale. Con l'accesso anticipato alle cure mediche, la patologia ha una prognosi favorevole. La progressione dei cambiamenti sclerotici nelle vertebre non subisce uno sviluppo inverso e nei casi più gravi richiede un intervento chirurgico. Il rifiuto della terapia e la regolare supervisione medica portano all'immobilizzazione della colonna vertebrale e allo sviluppo della disabilità.

Ragioni per lo sviluppo della sclerosi della colonna vertebrale e delle sue caratteristiche

La sclerosi della colonna vertebrale è un processo in cui vi è la comparsa di compattazione nelle strutture ossee. Di solito questa malattia è un segnale che il flusso sanguigno è disturbato nel tessuto osseo. Le vertebre vertebrali sono soggette a compattazione segmentale.

Caratteristiche

La sclerosi subcondrale della colonna vertebrale si verifica a causa della proliferazione delle strutture ossee ed è espressa in un aumento della loro densità. Non appartiene al gruppo di malattie indipendenti. Piuttosto, è un processo patologico. La causa della malattia sono lesioni, lesioni croniche, problemi al sistema muscoloscheletrico.

La sclerosi subcondrale della colonna vertebrale viene solitamente diagnosticata con raggi X.

La sclerosi della colonna vertebrale varia a seconda dell'area in cui si è verificata la compattazione:

  • Sclerosi del rachide cervicale. C'è una forte sindrome del dolore localizzata nel collo e nelle braccia.
  • Sclerosi delle lamelle della colonna vertebrale.
  • Sclerosi toracica Può portare a una completa violazione delle funzioni motorie della colonna vertebrale. C'è una sindrome del dolore.
  • Sclerosi subcondrale della colonna vertebrale. Indica una lesione su larga scala della colonna vertebrale.

Sintomi

Il dolore e uno scricchiolio alla schiena e alle articolazioni nel tempo possono portare a conseguenze terribili: limitazione locale o completa dei movimenti dell'articolazione e della colonna vertebrale fino alla disabilità. Le persone, insegnate dall'amara esperienza, usano un rimedio naturale raccomandato dall'ortopedico Bubnovsky per curare le articolazioni. Leggi di più »

La sclerosi della colonna vertebrale è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • Sindrome del dolore
  • Problemi con la flessione della schiena, movimenti del collo.
  • Difficoltà con il sollevamento pesi.
  • Problemi di coordinamento.
  • Perdita della sensazione di arti, debolezza fino al verificarsi di tremori.
  • Sensazione di aghi negli arti.
  • Debolezza muscolare.
  • Problemi respiratori
  • Improvvisa perdita di peso
  • Cattivo umore, stati depressivi.
  • Deterioramento della concentrazione dell'attenzione.
  • Problemi con la memoria.
  • Problemi di udito

I sintomi della sclerosi della colonna vertebrale sono molto variabili. La manifestazione di solo un certo gruppo di sintomi è possibile. A volte la sclerosi può verificarsi senza sintomi. La malattia viene diagnosticata attraverso questi metodi:

  • Raggi X.
  • Risonanza magnetica o TC.
  • Densitometria, che consente di scoprire le condizioni e le dimensioni della compattazione risultante nel tessuto osseo.
  • Un esame del sangue per mettere da parte i sospetti della presenza di altre malattie.

Trattamento

Poiché la sclerosi spinale non è una malattia indipendente, ma un sintomo di un'altra malattia, è innanzitutto necessario trattare la malattia di base. Di solito, il trattamento della sclerosi della colonna vertebrale significa una diminuzione dei sintomi, una diminuzione del dolore e la prevenzione dello sviluppo di processi patologici.

Hai mai provato dolore persistente alla schiena e alle articolazioni? A giudicare dal fatto che stai leggendo questo articolo, conosci già personalmente l'osteocondrosi, l'artrosi e l'artrite. Sicuramente hai provato un sacco di droghe, creme, unguenti, iniezioni, medici e, apparentemente, nessuna delle precedenti ti ha aiutato. E c'è una spiegazione per questo: semplicemente non è redditizio per i farmacisti vendere un prodotto funzionante, poiché perderanno i clienti! Tuttavia, la medicina cinese conosce da migliaia di anni la ricetta per sbarazzarsi di queste malattie ed è semplice e comprensibile. Leggi di più »

La scelta del programma di trattamento dipende dallo stato dell'organismo nel suo insieme, dalle caratteristiche della malattia di base, dalle patologie esistenti e dalla velocità di sviluppo dei processi patologici.

Considera le caratteristiche dei metodi di trattamento della sclerosi della colonna vertebrale:

  • Trattamento farmacologico. Implica l'adozione di farmaci che riducono l'infiammazione, medicinali per ripristinare le articolazioni intervertebrali, medicinali per aumentare l'immunità, antidolorifici, medicinali che alleviano i crampi muscolari.
  • Intervento chirurgico. È usato solo in casi estremi di sviluppo di processi patologici. I chirurghi rimuovono gli osteofiti.
  • Cibo speciale. Il menu del paziente dovrebbe includere frutti di mare, frutta e verdura.
  • Esercizio fisico. Può essere Pilates, terapia fisica, yoga, piscina. L'esercizio fisico aiuta ad aumentare la mobilità della colonna vertebrale, rafforza il tessuto muscolare, crea un corsetto muscolare che mantiene la colonna vertebrale nella posizione corretta.

Inoltre, i massaggi, la terapia manuale sono eccellenti per il trattamento. Bene ripristina il corpo e il trattamento in un ambiente spa. La sclerosi della colonna vertebrale non può essere completamente eliminata. Tuttavia, programmi di trattamento completi aiutano ad alleviare il dolore, consentono di condurre uno stile di vita precedente, ripristinare la mobilità e prevenire lo sviluppo della malattia.

Sappiamo tutti cosa sono il dolore e il disagio. L'artrosi, l'artrite, l'osteocondrosi e il mal di schiena rovinano seriamente la vita, limitando le normali azioni: è impossibile alzare una mano, calpestare un piede o alzarsi dal letto.

Soprattutto fortemente, questi problemi iniziano a manifestarsi dopo 45 anni. Quando uno contro uno di fronte alla debolezza fisica, il panico si manifesta ed è incredibilmente sgradevole. Ma questo non deve aver paura: devi agire! Quali mezzi dovrebbero essere usati e perché – afferma il principale chirurgo ortopedico Sergei Bubnovsky. Leggi di più >>>

Leggi l\'articolo:  Ginocchiera

Sclerosi della colonna vertebrale – placche di bloccaggio, cervicale e toracica, trattamento, sintomi, foto

Sclerosi della colonna vertebrale

In caso di dolore alla schiena e al collo e dopo aver contattato un medico, la sclerosi subcondrale della colonna vertebrale diventa una diagnosi abbastanza frequente dopo l'esame e le procedure radiologiche.

Molte persone hanno sentito parlare solo di una tale malattia, ma non un gran numero di persone sa cos'è, cosa è pericoloso e quali metodi possono essere usati per curarla.

Consideriamo più in dettaglio le cause di questa malattia, i sintomi e i metodi di trattamento.

Cause di ↑

In generale, la sclerosi è un processo patogeno che si verifica nei tessuti ed è caratterizzato dalla comparsa di foche.

La sclerosi subcondrale del corpo della colonna vertebrale è un aumento della densità ossea che si verifica a causa della proliferazione del tessuto connettivo.

Molto spesso, la sclerosi è un segno di una violazione dell'afflusso di sangue alle strutture ossee.

La malattia si esprime sotto forma di ispessimento segmentale delle vertebre.

Le principali cause di questa malattia sono due:

  • invecchiamento precoce dei tessuti;
  • vari processi infiammatori derivanti da varie malattie.

La sclerosi della colonna vertebrale non è una malattia in quanto tale, ma viene diagnosticata durante un esame radiografico come segno di qualsiasi altra malattia.

L'area della lesione della sclerosi sembra una compattazione del tessuto osseo, a causa della quale iniziano a comparire crescite ossee, che, a loro volta, provocano l'emergere di nuovi processi infiammatori a causa di articolazioni irregolari. Tutto ciò provoca dolore e rigidità e rigidità nella colonna vertebrale.

Sono tali irregolarità che sono chiaramente visibili su radiografie o tomogrammi e vengono diagnosticate come sclerosi subcondrale della colonna vertebrale.

Foto: segni di sclerosi in una radiografia

Le malattie degenerative-distrofiche (artrosi e osteocondrosi) sono considerate la causa della sclerosi subcondrale.

Un segno comune di tali malattie è la comparsa di osteofiti. Con l'osteocondrosi, compaiono lungo il bordo delle vertebre, con l'artrosi – lungo i bordi delle articolazioni.

Figura: alterazioni dell'osteocondrosi spinale

Tutto ciò è ugualmente doloroso e praticamente non cede a nessun trattamento. È possibile solo fermare l'avanzamento della malattia e ridurre il dolore.

Inoltre, quando si soddisfano una serie di requisiti, è possibile prevenire la comparsa di nuovi osteofiti. A volte viene suggerito un intervento chirurgico, ma, sfortunatamente, anche non è in grado di cambiare completamente la situazione.

A causa di queste cause di questa malattia, la sclerosi subcondrale della colonna vertebrale viene spesso diagnosticata negli anziani, molto meno spesso nelle persone di mezza età.

Tuttavia, sono noti anche casi di questa malattia nei bambini, a causa di cambiamenti patogeni nella colonna vertebrale o nei processi infiammatori.

Le vertebre a forma di cuneo sono una delle cause della curvatura della colonna vertebrale. Scopri perché derivano dal nostro articolo su ciò che è la deformazione a forma di cuneo dei corpi vertebrali.

Cos'è la terapia manuale? Troverai informazioni utili qui.

Sintomi della malattia ↑

I principali sintomi di questa malattia sono dolore e difficoltà a piegare la schiena, girare la testa e sollevare pesi.

Inoltre, si possono osservare i seguenti sintomi:

  • Cambiamenti e compromissione del coordinamento dei movimenti, perdita di equilibrio;
  • Intorpidimento delle braccia e delle gambe, loro debolezza;
  • Debolezza muscolare generale e formicolio agli arti;
  • Respirazione difficoltosa
  • Tremando agli arti;
  • Perdita di peso inaspettata e inspiegabile;
  • Depressione;
  • Incapacità di concentrazione;
  • Compromissione della memoria;
  • Perdita dell'udito

Tutti i segni di cui sopra potrebbero non essere necessariamente presenti, tutto dipende dal decorso e dal progresso della malattia.

In alcune persone, la sclerosi subcondrale della colonna vertebrale può essere generalmente asintomatica.

A seconda dell'area di localizzazione della compattazione ossea, è possibile effettuare una diagnosi leggermente diversa:

  • Sclerosi subcondrale della colonna vertebrale. Questa è una diagnosi generale, che viene anche fatta con un esteso danno alla colonna vertebrale.
  • Sclerosi del rachide cervicale. La sclerosi delle vertebre cervicali porta a forti dolori al collo e alle braccia.
  • Sclerosi toracica Questo tipo di sclerosi porta al fatto che la colonna vertebrale toracica ossifica e immobilizza completamente la colonna vertebrale. Questo è accompagnato da un forte dolore.
  • Sclerosi delle lamelle della colonna vertebrale.

Metodi diagnostici ↑

Molto spesso, la diagnosi di questa malattia viene effettuata con i seguenti metodi:

  • radiografia;
  • Risonanza magnetica;
  • TAC.

Anche la sclerosi vertebrale e un aumento della densità ossea sono determinati da uno speciale test di densità (densitometria).

Foto: immagine della colonna vertebrale ottenuta dalla densitometria

A volte vengono prescritti un esame del sangue e un test genetico per escludere la probabilità di altre malattie.

Trattamento della sclerosi della colonna vertebrale ↑

Poiché la sclerosi subcondrale della colonna vertebrale non è una malattia – questo è solo un termine che si riferisce a cambiamenti patologici nel tessuto osseo, non esiste tale trattamento per questo tipo di sclerosi.

Prima di tutto, è necessario trattare la malattia che accompagna la sclerosi della colonna vertebrale. Ma a causa delle specificità di queste malattie, un recupero completo è impossibile.

Puoi solo alleviare i sintomi, alleviare il dolore e inibire la progressione.

Molto spesso, il trattamento consiste in una terapia complessa, che comprende diverse aree:

  • terapia farmacologica;
  • esercizi terapeutici;
  • cambiamento nella dieta.

Il trattamento ha lo scopo di fermare il dolore e fermare lo sviluppo della malattia.

Lo scopo del trattamento dipende da molti fattori:

  • condizioni generali del corpo;
  • patologie esistenti;
  • grado di progressione della malattia.

La terapia farmacologica consiste nella nomina dei seguenti tipi di farmaci:

  • farmaci antinfiammatori non steroidei;
  • Condroprotettore;
  • medicinali contenenti condratina o glucosamina (per migliorare le condizioni delle articolazioni intervertebrali);
  • immunomodulatori (per migliorare le condizioni generali del corpo);
  • antidolorifici (per il dolore intenso);
  • miorilassanti (in presenza di crampi muscolari)

Nei casi più estremi, quando l'infiammazione e la compattazione del tessuto osseo sono di natura focale, è possibile un intervento chirurgico, durante il quale vengono rimossi anche gli osteofiti esistenti.

Oltre al trattamento farmacologico, le persone che soffrono di sclerosi spinale possono essere prescritte:

  • fisioterapia;
  • agopuntura;
  • altre procedure di riabilitazione.

Allo stesso tempo, tutto questo è combinato con esercizi di fisioterapia e una dieta speciale.

Di quante ossa è composto il nostro scheletro? Puoi trovare la risposta a questa domanda nel nostro articolo su quante ossa ci sono nel corpo umano.

Perché la testa fa male nella parte posteriore della testa? Scopri il motivo qui.

Che cos'è la cervicalgia vertebrogenica? Leggi qui

La dieta dei pazienti con sclerosi della colonna vertebrale è conforme ai principi di una dieta sana.

Il paziente deve mangiare:

    frutti di mare in quantità sufficiente, perché contengono acidi grassi polinsaturi>

Anche metodi efficaci per il trattamento di malattie della colonna vertebrale, compresa la sclerosi, sono:

Tutta l'attività fisica dovrebbe essere moderata.

Qualsiasi attività sportiva aumenta la mobilità della colonna vertebrale, non lasciarla irrigidire. Aiutano anche a rafforzare i muscoli della schiena e del collo, il che contribuisce alla formazione del cosiddetto corsetto muscolare, che mantiene la colonna vertebrale nella corretta posizione fisiologica.

La medicina tradizionale è anche abbastanza efficace nel trattamento della sclerosi della colonna vertebrale.

Metodi come l'apiterapia e il trattamento con preparati per il cinquefoil palustre sono riconosciuti anche dalla medicina ufficiale.

Shishkevich Vladimir - opinione ortopedica sulla crema di Hondrostrong

Shishkevich Vladimir, ortopedico - traumatologo, caporedattore del progetto ExpertNews.

Ho curato malattie delle articolazioni e della colonna vertebrale per molti anni. Posso tranquillamente affermare che le articolazioni sono sempre curabili, anche in età avanzata.

Hondrostrong è un farmaco innovativo progettato per combattere le malattie articolari. Aiuta con artrite, artrosi e altre malattie. Grazie all'uso della crema, la mobilità articolare ritorna rapidamente. Il tessuto cartilagineo danneggiato viene rigenerato, il che impedisce l'ulteriore sviluppo del problema.

Hondrostrong - gel per articolazioni e colonna vertebrale

Il nostro centro medico è stato il primo a ricevere l'accesso certificato alle più recenti medicine per osteocondrosi e dolori articolari - Hondrostrong. Ti confesso che quando ne ho sentito parlare per la prima volta, ho solo riso perché non credevo nella sua alta efficienza.

Ma sono rimasto stupito quando abbiamo finito i test: 4567 persone erano completamente guarite dalle malattie degli organi del sistema muscolo-scheletrico, che è più del 94% di tutti i soggetti, il 5,6% ha riscontrato un miglioramento significativo e solo lo 0,4% non ha notato alcun miglioramento.

La crema hondrostrong ti consente di dimenticare il dolore alla schiena e alle articolazioni il più presto possibile, letteralmente dopo 4 giorni di utilizzo, e anche le patologie molto complesse possono essere curate entro due mesi. Inoltre, il produttore di questo prodotto offre ora 50% di sconto del costo totale della crema Hondrostrong.

Video: apiterapia per il trattamento delle malattie della colonna vertebrale

Un eccellente effetto terapeutico è dato dal massaggio e dalla terapia manuale.

Il trattamento del sanatorio è indicato anche per tali pazienti.

Ma non importa quanto siano efficaci i vari metodi di trattamento della sclerosi della colonna vertebrale, una cura completa di questa malattia è comunque impossibile.

Prima il paziente si reca dal medico e viene diagnosticata la malattia e viene prescritto il trattamento corretto e completo, più è probabile che l'ulteriore sviluppo della malattia possa essere interrotto, la forte sindrome del dolore possa essere eliminata, la mobilità della colonna vertebrale può essere ripristinato durante il trattamento e la persona può essere aiutata a mantenere un'immagine attiva della vita.

Cause della sclerosi subcondrale della colonna vertebrale

Oggi, le malattie della colonna vertebrale colpiscono più persone in età lavorativa a causa delle specifiche del loro lavoro. Il grado di attività durante il funzionamento può essere a uno degli estremi. Può trattarsi di lavori statici sedentari o permanenti (ad esempio impiegati, operatori di mietitrebbie, officine) o debilitanti pesanti (caricatori, costruttori). Poche persone prestano attenzione alla prima comparsa di dolore nella parte bassa della schiena, della schiena o del collo e vanno dal medico con un problema, il dolore è un segnale dell'inizio di cambiamenti degenerativi nelle articolazioni, che in sostanza è la sclerosi subcondrale.

Cos'è la sclerosi subcondrale della colonna vertebrale?

Non esiste una malattia come la sclerosi subcondrale nell'ICD – 10. Questo termine è usato per indicare un sintomo radiologico quando si rilevano cambiamenti strutturali nelle articolazioni durante la radiografia di una determinata area per un'altra malattia della colonna vertebrale. Nelle immagini, la sclerosi subcondrale è definita come aree più chiare delle superfici articolari. Va ricordato che le strutture più dense saranno molto più luminose delle altre, poiché assorbono la maggior parte dei raggi X, in quel punto non saliranno sul film.

Il disco intervertebrale situato tra le vertebre è in contatto con esse con le loro placche subcondrali (o placche di chiusura), che sono penetrate dai nervi e da una rete di capillari, fornendo l'apporto di sangue alle strutture ossee. Per questo motivo, il disco di cartilagine viene alimentato a causa della compressione durante la deambulazione. Con la pressione, il liquido sinoviale esce dalla cartilagine, entra in contatto con i vasi della parte subcondrale dell'osso. La sclerosi delle placche di bloccaggio si verifica a causa di danni alla cartilagine. La gamma di movimento nell'articolazione danneggiata è ridotta, gli osteofiti sembrano pizzicare le radici nervose – i dolori sembrano ulteriormente aggravati a causa dello spasmo muscolare protettivo.

La sclerosi subcondrale della colonna vertebrale è classificata in base alla posizione della lesione: cervicale, toracica e lombare. Il torace non è così pronunciato e i dolori che si alzano nell'area del cuore o la difficoltà di respirazione possono suggerire che il problema è una malattia del cuore o dei polmoni.

I sintomi della sclerosi cervicale sono associati a un afflusso di sangue al cervello alterato e alle terminazioni nervose pizzicate che emergono dalle aperture intervertebrali. Possibili reclami:

  • mal di testa;
  • vertigini;
  • perdita di equilibrio;
  • perdita dell'udito e della vista;
  • dolore quando si gira la testa;
  • intorpidimento delle mani e delle dita.

Con la sclerosi lombare, i sintomi sono i seguenti:

  • l'insorgenza di dolore nella parte bassa della schiena, delle gambe durante un intenso lavoro fisico o flessione;
  • intorpidimento nei piedi;
  • processi stagnanti negli organi pelvici.
Leggi l\'articolo:  Come trattare l'osteocondrosi della colonna lombare di 1 ° grado

Opinione di un esperto

Autore: Olga Vladimirovna Boyko

Ufficialmente, non esiste una diagnosi come la sclerosi subcondrale nell'ICD. In effetti, abbiamo una sostituzione della cartilagine intervertebrale sul tessuto connettivo. Allo stesso tempo, il tessuto osseo cresce e si forma la crescita. La sclerosi subcondrale non è una malattia indipendente ed è considerata una manifestazione di artrosi articolare o osteocondrosi spinale.

La sclerosi subcondrale può verificarsi in qualsiasi parte del corpo. Le patologie del rachide cervicale rappresentano il pericolo maggiore: anche un piccolo carico può causare una frattura da compressione.

La patologia è caratterizzata da dolore cronico in una certa area della colonna vertebrale, ma questi non sono gli unici sintomi. I pazienti spesso lamentano debolezza muscolare, tremori, difficoltà nel lavoro dell'apparato respiratorio, dolore dietro lo sterno (quindi spesso vanno da un cardiologo per ricevere un trattamento cardiaco).

La diagnosi di sclerosi subcondrale è principalmente raggi X, risonanza magnetica e determinazione della densità ossea.

La sclerosi subcondrale è una malattia degenerativa incurabile, quindi il trattamento è sintomatico. Gli esperti di qualsiasi livello raccomandano di abbandonare le cattive abitudini, praticare sport (tenendo conto delle controindicazioni) e soprattutto prestare attenzione alla dieta.

Le cause di questa patologia

A seguito di un danno al disco intervertebrale e di una violazione della sua alimentazione, si verificano distruzione e perdita di elasticità, che a loro volta portano a una mobilità ridotta dell'articolazione intervertebrale a causa della cosiddetta articolazione secca – una condizione in cui la produzione di sinoviale il fluido, che è responsabile dell'elasticità della cartilagine, diminuisce. A sua volta, il carico sulle piastre terminali aumenta, il che porta al loro ispessimento dovuto alla crescita del tessuto fibroso. Un eccesso di tessuto connettivo cresciuto aumenta il carico in questo posto sulle superfici articolari, il che porta a una crescita compensativa sul lato opposto delle crescite ossee – osteofiti. A causa loro, la mobilità delle articolazioni diminuisce, si verificano dolore e infiammazione.

Dovrebbe concentrarsi ancora una volta sul fatto che la sclerosi subcondrale, o sclerosi delle placche di bloccaggio, non è una diagnosi, è una conseguenza di un'altra malattia. Molto spesso, l'osteosclerosi è una sindrome di malattie come l'osteocondrosi, l'artrite e l'artrosi. I fattori provocatori della sclerosi sono divisi in due grandi gruppi:

Endogeno o interno:

  • vecchiaia. Nelle persone dopo i 50 anni, i loro muscoli della schiena sono significativamente più deboli, il che aumenta i rischi di sclerosi;
  • eredità. Soprattutto nelle donne la cui madre soffriva di malattie articolari;
  • infiammazione articolare;
  • diabete mellito, che influisce negativamente sull'afflusso di sangue periferico ai tessuti.
  • vari infortuni derivanti da attività sportive o di lavoro;
  • sovrappeso, aumentando il carico sulle articolazioni;
  • uno stile di vita sedentario che porta all'indebolimento dei muscoli della schiena;
  • la necessità di mantenere la stessa postura per lungo tempo;
  • sclerosi multipla;
  • artrite, artrosi, osteocondrosi e altre malattie dell'apparato muscolo-scheletrico.

Diagnosi di sclerosi cervicale

I metodi diagnostici più accurati saranno i metodi radiologici strumentali. La clinica Yusupov ha tutte le attrezzature necessarie per determinare questa patologia. I nostri specialisti hanno una significativa esperienza nella diagnosi di malattie spinali in varie immagini.

La sclerosi delle placche di bloccaggio è un segno della presenza di un processo patologico causato dalla malattia di base. Per la sua diagnosi differenziale e la conferma della diagnosi, vengono utilizzati i seguenti esami strumentali:

  • Raggi X;
  • ecografia;
  • imaging a risonanza magnetica;
  • tomografia computerizzata;
  • osteodensitometria;
  • a volte è necessario un test genetico per escludere una malattia genetica.

Questi metodi di imaging consentono di determinare il grado di danno all'articolazione, il cambiamento nella sua struttura e il tasso di crescita del tessuto connettivo. Strutture più dense appariranno più leggere delle altre. Un metodo come la densitometria è estremamente interessante, con il suo aiuto è possibile valutare la densità minerale del tessuto osseo. È ultrasonico, a raggi X e fotonico. L'essenza del metodo consiste nel confrontare gli indicatori del paziente con criteri speciali, che sono dati statistici. Utilizzare i criteri Z e T. Il criterio T corrisponde al normale picco di massa ossea, ovvero al valore medio per l'età in cui la densità minerale ossea in quest'area raggiunge il massimo. Il test Z è caratterizzato da un valore medio per una determinata età. La norma per un punteggio T di −1 o superiore. Da -1 a -2,5, viene determinata una diminuzione della densità minerale; meno di -2,5 – osteoporosi. Il punteggio Z è normalmente positivo. I valori negativi indicano una bassa densità ossea.

Trattamento della sclerosi cervicale

Il trattamento etiotropico non esiste, poiché questo processo patologico è una conseguenza della malattia di base. Dopo un'accurata diagnosi e identificazione della malattia che ha causato l'osteosclerosi del rachide cervicale, gli specialisti dell'ospedale Yusupov prescrivono una terapia complessa specificamente mirata ad esso. Va tenuto presente che la terapia è estremamente efficace solo nelle fasi iniziali, i cui sintomi non disturbano così tanto il paziente. Per questo motivo, il trattamento viene effettuato in seguito e l'obiettivo non è curare, ma fermare la progressione. I cambiamenti che sono sorti nell'articolazione sono irreversibili e prima vieni dal medico, maggiori sono le possibilità di un pieno recupero.

Il trattamento è multicomponente, consiste in terapia farmacologica, fisioterapia, nei casi più gravi vengono aggiunti metodi chirurgici.

Vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • farmaci antinfiammatori non ormonali. Il loro obiettivo è quello di eliminare il processo infiammatorio e ridurre il dolore;
  • analgesici: fermare un attacco di dolore;
  • condroprotettori: migliorano il metabolismo della cartilagine, ne rallentano o ne arrestano la distruzione, hanno un leggero effetto antinfiammatorio;
  • miorilassanti: consentono di alleviare lo spasmo muscolare che si verifica come reazione protettiva per ridurre i movimenti dell'articolazione danneggiata;
  • Vitamine del gruppo B, fosforo, calcio – sono importanti per garantire la rigenerazione dei tessuti.

Puoi anche usare vari unguenti riscaldanti per alleviare il dolore. Ma questo è un trattamento sintomatico che allevia solo la condizione.

La fisioterapia si è dimostrata estremamente positiva, poiché il suo uso migliora l'afflusso di sangue nell'area interessata, riduce l'infiammazione e accelera la rigenerazione dei tessuti e viene inibita l'ulteriore sclerosi.

Tra le procedure fisioterapiche, si sono dimostrate estremamente positive:

  • elettroforesi: migliora il flusso sanguigno nell'area interessata. Se eseguito insieme al farmaco, garantisce la sua penetrazione più rapida;
  • terapia ad altissima frequenza;
  • bagni di fango e idrogeno solforato.

Durante un'esacerbazione, sono vietati l'esercizio fisico e il massaggio. La loro nomina è determinata dal medico curante. Gli esercizi devono essere eseguiti solo con l'istruttore nella sala di terapia per prevenire possibili lesioni. Con il ripristino della mobilità, aumenterà la forza dei muscoli della schiena e del collo. Il corsetto muscolare stabilizza la colonna vertebrale. Il massaggio aumenta il flusso sanguigno nell'area massaggiata, riduce lo spasmo muscolare. Esistono tre movimenti principali nel massaggio classico: carezza, sfregamento e impastamento.

Con la gestione tardiva del problema, quando si sono verificati osteofiti, è necessario un trattamento chirurgico, poiché non vengono rimossi da alcun farmaco o fisioterapia. Ma puoi curare completamente l'articolazione.

Prognosi della malattia

Sfortunatamente, la sclerosi del rachide cervicale è una malattia degenerativa progressiva. Prima vedi un dottore, maggiore è la tua prognosi favorevole. Se hai problemi alla colonna vertebrale, dovresti sottoporsi a un massaggio ogni sei mesi, monitorare le modalità di lavoro e riposo, proteggere la schiena dal sollevamento pesi. Ma non dovresti abbandonare completamente l'attività fisica.

C Sclerosi subcondrale della colonna vertebrale: che cos'è, cause, sintomi, trattamento, prevenzione

Lo sviluppo del progresso scientifico e tecnologico ha comportato un significativo ringiovanimento delle malattie della colonna vertebrale. I gadget moderni sono così saldamente radicati nella vita dell'uomo moderno che molte persone hanno un lavoro sedentario, tempo libero, relax e in generale uno stile di vita passivo. Ciò ha portato al fatto che dopo 25 anni, una persona inizia a sentire i primi sintomi dolorosi nella parte posteriore. E se non cambi il tuo stile di vita nel tempo, nel tempo, il mal di schiena può portare a conseguenze irreversibili. Una delle complicanze più gravi e incurabili delle malattie della colonna vertebrale è la sclerosi della placca vertebrale.

Informazioni sulla descrizione della patologia

La sclerosi delle placche legamentose della colonna vertebrale (o sclerosi subcondrale della colonna vertebrale) è un processo di proliferazione e aumento della densità ossea e dei tessuti connettivi. Molto spesso, la patologia colpisce il cervicale e il lombare, ma succede che si diffonde in tutta la colonna vertebrale. Una caratteristica allarmante della sclerosi delle placche di chiusura toracica è la completa assenza di sintomi.

Il disco intervertebrale si trova sopra la placca subcondrale e il corpo vertebrale è sotto. Con lo sviluppo della sclerosi delle placche di bloccaggio, la placca subcondrale inizia ad addensarsi, su di essa compaiono escrescenze: osteofiti. Tali escrescenze creano attrito, causando in tal modo dolore, che alla fine porta a un processo infiammatorio.

Questa diagnosi non è una patologia indipendente. Nella stragrande maggioranza dei casi, la sclerosi subcondrale appare sullo sfondo delle malattie esistenti della colonna vertebrale. Se viene trattata la malattia di base, la crescita eccessiva ossea può immobilizzare l'intera articolazione.

Ragioni

L'osteocondrosi è la causa principale della sclerosi subcondrale. Nel 90% dei casi, questa patologia si sviluppa come una complicazione sullo sfondo dell'osteocondrosi cronica. Con l'osteocondrosi, si verifica una progressiva distruzione del tessuto cartilagineo, con una violazione dell'afflusso di sangue alla vertebra. Molto spesso, gli osteofiti si verificano durante i periodi di esacerbazione, processi infiammatori nell'area di distruzione del disco intervertebrale. Ma ci sono anche cause concomitanti dello sviluppo della malattia. Possono esistere parallelamente all'osteocondrosi o indipendentemente.

  • stile di vita sedentario;
  • traumi;
  • età avanzata;
  • muscoli della schiena non allenati e flaccidi;
  • lavoro che implica una lunga posizione seduta o eretta;
  • malattie infiammatorie prolungate;
  • malattie del sistema muscolo-scheletrico;
  • sclerosi multipla;
  • cattiva alimentazione;
  • costante sollevamento pesi grazie all'attività lavorativa (caricatori, costruttori);
  • obesità.

Sintomi

Con la sclerosi subcondrale, si verifica uno spasmo muscolare protettivo nella lesione, che migliora la sindrome del dolore. Gli osteofiti danneggiano i tessuti molli e pizzicano le radici delle terminazioni nervose. I sintomi dipendono principalmente dall'area delle lesioni sclerotiche. Ci sono sclerosi delle placche di bloccaggio: cervicale, toracica, colonna lombare. In rari casi, l'intera colonna vertebrale è interessata. Gran parte del processo sclerotico è influenzato dal collo e dalla parte bassa della schiena. Ciò è dovuto al carico pesante quando ci si sposta in queste aree.

Sintomi della sclerosi subcondrale della colonna cervicale

  • dolore che si intensifica con il movimento della testa;
  • perdita di equilibrio;
  • udito e vista alterati;
  • disagio nelle mani e nelle dita;
  • vertigini;
  • mal di testa.

La patologia della regione toracica è quasi asintomatica. In rari casi, i pazienti avvertono dolore al cuore, respirazione a disagio. Una diagnosi accurata viene fatta quando la regione toracica è già completamente immobilizzata.

C Sintomi della sclerosi subcondrale del lombare

  • dolore nella parte bassa della schiena, che è peggio con la flessione e il sollevamento pesi;
  • dolore agli arti inferiori;
  • disagio ai piedi – formicolio, intorpidimento, bruciore;
  • processi stagnanti negli organi pelvici.

D Diagnosi e trattamento

Il metodo diagnostico classico per questa patologia è i raggi X e i reclami dei pazienti. In presenza di un processo infiammatorio, il medico può inoltre prescrivere una risonanza magnetica, un esame del sangue e delle urine.

M Trattamento farmacologico

Una cura completa per la sclerosi delle placche terminali della colonna vertebrale è possibile solo chirurgicamente. Trattamento farmacologico conservativo volto ad alleviare il dolore, l'infiammazione e l'inibizione della progressione della malattia.

I farmaci antinfiammatori non steroidei a base di Diclofenac sono ampiamente utilizzati, che hanno proprietà antinfiammatorie e analgesiche. Per alleviare la tensione muscolare attorno al fuoco dell'infiammazione, vengono utilizzati acido nicotinico, vitamine del gruppo B, fosforo e calcio. Con forte dolore, un ciclo di analgesici è prescritto per iniezione, ma solo sotto la supervisione di un medico, poiché hanno una serie di effetti collaterali. Gli unguenti riscaldanti alleviano il dolore – Finalgon, Capsicam.

Leggi l\'articolo:  Caratteristiche dello sviluppo, varietà e metodi di trattamento degli osteofiti

Fisioterapia

L'elettroforesi fornisce la consegna più rapida di farmaci nel sito dell'infiammazione. Può essere usato come terapia di emergenza o per le persone con malattie del tratto gastrointestinale.

La terapia diadinamica migliora la circolazione sanguigna nei tessuti adiacenti e accelera i processi metabolici.

Ginnastica terapeutica

Durante le esacerbazioni, qualsiasi esercizio fisico è controindicato. Per le persone con diagnosi di sclerosi delle placche terminali della colonna vertebrale, il primo complesso di ginnastica terapeutica deve essere eseguito solo nella sala di terapia fisica sotto la supervisione di un istruttore. Quindi puoi farlo da solo.

C Medicina tradizionale

Un importante vantaggio di metodi alternativi è l'assenza di effetti collaterali. Naturalmente, è impossibile curare la sclerosi subcondrale con tali metodi, ma la medicina tradizionale aiuta in modo abbastanza efficace ad alleviare i sintomi.

Ricette di medicina alternativa:

  1. Bagni curativi dal decotto sui rami di pino, migliorare la circolazione sanguigna, alleviare il dolore;
  2. Brodo di sambuco. 20 g di sambuco su mezzo bicchiere di acqua bollente. Prendi 50 ml 3 volte al giorno;
  3. Un pezzo di grasso, applicato su un punto dolente, allevia la sindrome del dolore. Il film si trova in cima ed è isolato con una sciarpa.

P Prevenzione della sclerosi subcondrale

Uno stile di vita attivo e una dieta sana equilibrata sono le raccomandazioni principali.

  • se devi lavorare principalmente nella stessa posizione da seduto o in piedi, periodicamente devi fare semplici esercizi: rotazione della testa, busto;
  • traccia peso;
  • se ci sono già malattie della colonna vertebrale, è necessario seguire un corso di massaggio ogni 6 mesi. Questa è la migliore prevenzione contro gli osteofiti;
  • praticare sport o esercizi mattutini.

La sclerosi delle placche terminali della colonna vertebrale è una malattia irreversibile. Puoi recuperare completamente solo con l'aiuto dell'intervento chirurgico. Ma con una terapia conservativa complessa regolare, puoi dimenticare a lungo i sintomi spiacevoli della malattia e interrompere lo sviluppo della patologia.

Cause della sclerosi subcondrale della colonna vertebrale

Oggi, le malattie della colonna vertebrale colpiscono più persone in età lavorativa a causa delle specifiche del loro lavoro. Il grado di attività durante il funzionamento può essere a uno degli estremi. Può trattarsi di lavori statici sedentari o permanenti (ad esempio impiegati, operatori di mietitrebbie, officine) o debilitanti pesanti (caricatori, costruttori). Poche persone prestano attenzione alla prima comparsa di dolore nella parte bassa della schiena, della schiena o del collo e vanno dal medico con un problema, il dolore è un segnale dell'inizio di cambiamenti degenerativi nelle articolazioni, che in sostanza è la sclerosi subcondrale.

Cos'è la sclerosi subcondrale della colonna vertebrale?

Non esiste una malattia come la sclerosi subcondrale nell'ICD – 10. Questo termine è usato per indicare un sintomo radiologico quando si rilevano cambiamenti strutturali nelle articolazioni durante la radiografia di una determinata area per un'altra malattia della colonna vertebrale. Nelle immagini, la sclerosi subcondrale è definita come aree più chiare delle superfici articolari. Va ricordato che le strutture più dense saranno molto più luminose delle altre, poiché assorbono la maggior parte dei raggi X, in quel punto non saliranno sul film.

Il disco intervertebrale situato tra le vertebre è in contatto con esse con le loro placche subcondrali (o placche di chiusura), che sono penetrate dai nervi e da una rete di capillari, fornendo l'apporto di sangue alle strutture ossee. Per questo motivo, il disco di cartilagine viene alimentato a causa della compressione durante la deambulazione. Con la pressione, il liquido sinoviale esce dalla cartilagine, entra in contatto con i vasi della parte subcondrale dell'osso. La sclerosi delle placche di bloccaggio si verifica a causa di danni alla cartilagine. La gamma di movimento nell'articolazione danneggiata è ridotta, gli osteofiti sembrano pizzicare le radici nervose – i dolori sembrano ulteriormente aggravati a causa dello spasmo muscolare protettivo.

La sclerosi subcondrale della colonna vertebrale è classificata in base alla posizione della lesione: cervicale, toracica e lombare. Il torace non è così pronunciato e i dolori che si alzano nell'area del cuore o la difficoltà di respirazione possono suggerire che il problema è una malattia del cuore o dei polmoni.

I sintomi della sclerosi cervicale sono associati a un afflusso di sangue al cervello alterato e alle terminazioni nervose pizzicate che emergono dalle aperture intervertebrali. Possibili reclami:

  • mal di testa;
  • vertigini;
  • perdita di equilibrio;
  • perdita dell'udito e della vista;
  • dolore quando si gira la testa;
  • intorpidimento delle mani e delle dita.

Con la sclerosi lombare, i sintomi sono i seguenti:

  • l'insorgenza di dolore nella parte bassa della schiena, delle gambe durante un intenso lavoro fisico o flessione;
  • intorpidimento nei piedi;
  • processi stagnanti negli organi pelvici.

Opinione di un esperto

Autore: Olga Vladimirovna Boyko

Ufficialmente, non esiste una diagnosi come la sclerosi subcondrale nell'ICD. In effetti, abbiamo una sostituzione della cartilagine intervertebrale sul tessuto connettivo. Allo stesso tempo, il tessuto osseo cresce e si forma la crescita. La sclerosi subcondrale non è una malattia indipendente ed è considerata una manifestazione di artrosi articolare o osteocondrosi spinale.

La sclerosi subcondrale può verificarsi in qualsiasi parte del corpo. Le patologie del rachide cervicale rappresentano il pericolo maggiore: anche un piccolo carico può causare una frattura da compressione.

La patologia è caratterizzata da dolore cronico in una certa area della colonna vertebrale, ma questi non sono gli unici sintomi. I pazienti spesso lamentano debolezza muscolare, tremori, difficoltà nel lavoro dell'apparato respiratorio, dolore dietro lo sterno (quindi spesso vanno da un cardiologo per ricevere un trattamento cardiaco).

La diagnosi di sclerosi subcondrale è principalmente raggi X, risonanza magnetica e determinazione della densità ossea.

La sclerosi subcondrale è una malattia degenerativa incurabile, quindi il trattamento è sintomatico. Gli esperti di qualsiasi livello raccomandano di abbandonare le cattive abitudini, praticare sport (tenendo conto delle controindicazioni) e soprattutto prestare attenzione alla dieta.

Le cause di questa patologia

A seguito di un danno al disco intervertebrale e di una violazione della sua alimentazione, si verificano distruzione e perdita di elasticità, che a loro volta portano a una mobilità ridotta dell'articolazione intervertebrale a causa della cosiddetta articolazione secca – una condizione in cui la produzione di sinoviale il fluido, che è responsabile dell'elasticità della cartilagine, diminuisce. A sua volta, il carico sulle piastre terminali aumenta, il che porta al loro ispessimento dovuto alla crescita del tessuto fibroso. Un eccesso di tessuto connettivo cresciuto aumenta il carico in questo posto sulle superfici articolari, il che porta a una crescita compensativa sul lato opposto delle crescite ossee – osteofiti. A causa loro, la mobilità delle articolazioni diminuisce, si verificano dolore e infiammazione.

Dovrebbe concentrarsi ancora una volta sul fatto che la sclerosi subcondrale, o sclerosi delle placche di bloccaggio, non è una diagnosi, è una conseguenza di un'altra malattia. Molto spesso, l'osteosclerosi è una sindrome di malattie come l'osteocondrosi, l'artrite e l'artrosi. I fattori provocatori della sclerosi sono divisi in due grandi gruppi:

Endogeno o interno:

  • vecchiaia. Nelle persone dopo i 50 anni, i loro muscoli della schiena sono significativamente più deboli, il che aumenta i rischi di sclerosi;
  • eredità. Soprattutto nelle donne la cui madre soffriva di malattie articolari;
  • infiammazione articolare;
  • diabete mellito, che influisce negativamente sull'afflusso di sangue periferico ai tessuti.
  • vari infortuni derivanti da attività sportive o di lavoro;
  • sovrappeso, aumentando il carico sulle articolazioni;
  • uno stile di vita sedentario che porta all'indebolimento dei muscoli della schiena;
  • la necessità di mantenere la stessa postura per lungo tempo;
  • sclerosi multipla;
  • artrite, artrosi, osteocondrosi e altre malattie dell'apparato muscolo-scheletrico.

Diagnosi di sclerosi cervicale

I metodi diagnostici più accurati saranno i metodi radiologici strumentali. La clinica Yusupov ha tutte le attrezzature necessarie per determinare questa patologia. I nostri specialisti hanno una significativa esperienza nella diagnosi di malattie spinali in varie immagini.

La sclerosi delle placche di bloccaggio è un segno della presenza di un processo patologico causato dalla malattia di base. Per la sua diagnosi differenziale e la conferma della diagnosi, vengono utilizzati i seguenti esami strumentali:

  • Raggi X;
  • ecografia;
  • imaging a risonanza magnetica;
  • tomografia computerizzata;
  • osteodensitometria;
  • a volte è necessario un test genetico per escludere una malattia genetica.

Questi metodi di imaging consentono di determinare il grado di danno all'articolazione, il cambiamento nella sua struttura e il tasso di crescita del tessuto connettivo. Strutture più dense appariranno più leggere delle altre. Un metodo come la densitometria è estremamente interessante, con il suo aiuto è possibile valutare la densità minerale del tessuto osseo. È ultrasonico, a raggi X e fotonico. L'essenza del metodo consiste nel confrontare gli indicatori del paziente con criteri speciali, che sono dati statistici. Utilizzare i criteri Z e T. Il criterio T corrisponde al normale picco di massa ossea, ovvero al valore medio per l'età in cui la densità minerale ossea in quest'area raggiunge il massimo. Il test Z è caratterizzato da un valore medio per una determinata età. La norma per un punteggio T di −1 o superiore. Da -1 a -2,5, viene determinata una diminuzione della densità minerale; meno di -2,5 – osteoporosi. Il punteggio Z è normalmente positivo. I valori negativi indicano una bassa densità ossea.

Trattamento della sclerosi cervicale

Il trattamento etiotropico non esiste, poiché questo processo patologico è una conseguenza della malattia di base. Dopo un'accurata diagnosi e identificazione della malattia che ha causato l'osteosclerosi del rachide cervicale, gli specialisti dell'ospedale Yusupov prescrivono una terapia complessa specificamente mirata ad esso. Va tenuto presente che la terapia è estremamente efficace solo nelle fasi iniziali, i cui sintomi non disturbano così tanto il paziente. Per questo motivo, il trattamento viene effettuato in seguito e l'obiettivo non è curare, ma fermare la progressione. I cambiamenti che sono sorti nell'articolazione sono irreversibili e prima vieni dal medico, maggiori sono le possibilità di un pieno recupero.

Il trattamento è multicomponente, consiste in terapia farmacologica, fisioterapia, nei casi più gravi vengono aggiunti metodi chirurgici.

Vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • farmaci antinfiammatori non ormonali. Il loro obiettivo è quello di eliminare il processo infiammatorio e ridurre il dolore;
  • analgesici: fermare un attacco di dolore;
  • condroprotettori: migliorano il metabolismo della cartilagine, ne rallentano o ne arrestano la distruzione, hanno un leggero effetto antinfiammatorio;
  • miorilassanti: consentono di alleviare lo spasmo muscolare che si verifica come reazione protettiva per ridurre i movimenti dell'articolazione danneggiata;
  • Vitamine del gruppo B, fosforo, calcio – sono importanti per garantire la rigenerazione dei tessuti.

Puoi anche usare vari unguenti riscaldanti per alleviare il dolore. Ma questo è un trattamento sintomatico che allevia solo la condizione.

La fisioterapia si è dimostrata estremamente positiva, poiché il suo uso migliora l'afflusso di sangue nell'area interessata, riduce l'infiammazione e accelera la rigenerazione dei tessuti e viene inibita l'ulteriore sclerosi.

Tra le procedure fisioterapiche, si sono dimostrate estremamente positive:

  • elettroforesi: migliora il flusso sanguigno nell'area interessata. Se eseguito insieme al farmaco, garantisce la sua penetrazione più rapida;
  • terapia ad altissima frequenza;
  • bagni di fango e idrogeno solforato.

Durante un'esacerbazione, sono vietati l'esercizio fisico e il massaggio. La loro nomina è determinata dal medico curante. Gli esercizi devono essere eseguiti solo con l'istruttore nella sala di terapia per prevenire possibili lesioni. Con il ripristino della mobilità, aumenterà la forza dei muscoli della schiena e del collo. Il corsetto muscolare stabilizza la colonna vertebrale. Il massaggio aumenta il flusso sanguigno nell'area massaggiata, riduce lo spasmo muscolare. Esistono tre movimenti principali nel massaggio classico: carezza, sfregamento e impastamento.

Con la gestione tardiva del problema, quando si sono verificati osteofiti, è necessario un trattamento chirurgico, poiché non vengono rimossi da alcun farmaco o fisioterapia. Ma puoi curare completamente l'articolazione.

Prognosi della malattia

Sfortunatamente, la sclerosi del rachide cervicale è una malattia degenerativa progressiva. Prima vedi un dottore, maggiore è la tua prognosi favorevole. Se hai problemi alla colonna vertebrale, dovresti sottoporsi a un massaggio ogni sei mesi, monitorare le modalità di lavoro e riposo, proteggere la schiena dal sollevamento pesi. Ma non dovresti abbandonare completamente l'attività fisica.

ExpertNews Italia